“Anch’io adotto tre agnellini”. Sui social foto choc di Cruciani: è polemica

loading...

Anche noi abbiamo adottato tre agnellini. Ester, Richard e Asmodeo”. La foto postata da Giuseppe Cruciani su Facebook è splatter.

Sulla scrivania, nello studio della Zanzara, campeggiano tre teschi di agnelli. Sono ancora sanguinanti. Quella del conduttore è una provocazione, all’indomani della decisione di Silvio Berlusconi e di Laura Boldrini di adottare tre agnellini e salvarli dalla macellazione, ma i social network non la prendono affatto bene. “Purtroppo la tua intelligenza è pari alla tua umanità – scrive un utente – io sono onnivoro ma rispetto le scelte degli altri. Pessima esibizione”.

Il primo è stato il Cavaliere. Ne ha adottati ben cinque  Su tutti i giornali è apparsa una foto di Silvio Berlusconi con un agnellino di pochissimi giorni. Si chiama Fiocco di Neve e si può alimentare solo col biberon. Il nome gliel’ha dato Francesca Pascale. Il leader di Forza Italia ama da sempre gli animali e così, a pochi giorni dalla Pasqua, ha deciso di salvare cinque agnellini che altrimenti sarebbero finiti macellati. “Berlusconi ha un grande parco, resteranno lì – ha raccontato la deputata di Forza Italia, Michela Vittoria Brambilla, a Un Giorno da Pecora – ha già tanti animali, anche cavalli e dei daini, che ha salvato”. Ieri, poi, il presidente della Camera Laura Boldrini ha fatto lo stesso. Ne ha adottati due per sostenere la campagna per la difesa degli agnellini destinati al macello e per alzare il velo sulle sofferenze, sui maltrattamenti che i piccoli animali sono costretti a subire in particolare in questo periodo dell’anno.

La scelta di Berlusconi ha subito aperto un vivace dibattito. Anche Cruciani è intervenuto. Lo ha fatto a modo suo. Portando negli sudi di Radio24 tre carcasse di agnelli. “Anche noi abbiamo adottato tre agnellini – ha, poi, scritto su Facebook – Ester, Richard e Asmodeo”. E ha postato la fotografia dei tre teschi. Su Twitter sono fioccate le critiche. “Certe esibizioni d’insensibilità meritano la pubblica gogna”, tuona un utente. “Quanto ce l’hai piccolo”, fa eco un’altra. E ancora: “Foto macabra e di pessimo gusto, e lo dico da onnivoro”.

 

Su Twitter Cruciani ha raccolto per lo più critiche. E la maggior parte sono arrivate da “onnivori” che lo invitavano a rispettare le scelte di gente, come i vegani e i vegetariani, che nella propria vita hanno deciso di non mangiare carne. Il conduttore della Zanzara però non ha accettato le critiche ed è andato avanti per la propria strada.

ilgiornale.it
loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *