Corea del Nord, l’ipotesi del sabotaggio americano dietro al test missilistico fallito: la guerra è già iniziata?

loading...

Come promesso, Kim Jong-un ha “onorato” il 105° compleanno del nonno con un test missilistico. Test fallito: il vettore, infatti, sarebbe precipitato poco dopo il lancio. Un’ultima provocazione con cui il regime della Corea del Nord “chiama” l’azione militare degli Stati Uniti di Donald Trump: nonostante gli sforzi diplomatici della Cina, Kim non pare intenzionato ad abbassare la tensione. La guerra, insomma, continua ad essere a un passo. E anzi, potrebbe essere già iniziata.

Il sospetto, infatti, è che dietro al fallimento dell’ultimo test ci sia lo zampino degli Stati Uniti. Il missile (non è chiaro se si trattasse di una testata nucleare o meno) è esploso per un’avaria oppure perché gli americani hanno operato un sabotaggio? La possibilità di una manovra a stelle e strisce – come sottolinea il Corriere della Sera – è concreta, ed è legata alla rivelazioni di qualche settimana fa, quando fonti di intelligence riferivano che il Pentagono fosse riuscito a “disturbare” le prove missilistiche di Pyongyang. Non a caso, le autorità nord coreane avevano iniziato un’inchiesta per scoprire responsabilità, eventuali colpevoli o peggio una “talpa” all’interno del regime. Insomma, la guerra in un qualche modo potrebbe essere già iniziata, con una manovra di sabotaggio degli Stati Uniti, che se confermata, sarebbe andata a segno nel giorno della più importante celebrazione del regime.

Una figuraccia, per Kim. Una figuraccia nel giorno in cui le figuracce non erano ammesse, una circostanza che potrebbe innescare l’immediata reazione del pazzo nord coreano. La tensione resta alle stelle, insomma. L’ipotesi del sabotaggio contribuisce soltanto ad acuirla. Ipotesi che, per inciso, si fa più concreta se si prendono in considerazione alcune indiscrezioni che arrivano dagli Stati Uniti, secondo le quali l’opzione militare di Trump non è così automatica. Il principale obiettivo di Washington sarebbe “tenere sotto stress” la Corea del Nord, magari, appunto, con un sabotaggio piuttosto che con un bombardamento che darebbe il là a un’escalation militare le cui conseguenze potrebbero essere terrificanti.

 

 

 

liberoquotidiano.it

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *