“Mi derideva perché sono nato povero”. Eddy massacra la Clerici e si vendica: la foto con cui la umilia / Guarda

loading...

Chi si rivede… L’ex toy boy di Antonella Clerici, Eddy Martens, legato alla conduttrice e padre di sua figlia Maelle, parla con Chi della nuova fidanzata: “Si chiama Carmen, ci frequentiamo da due mesi e stiamo bene. L’ho portata in gita in Italia. Antonella? No, non mi manca e nemmeno l’Italia (…) Una parte degli italiani mi ha offeso, deriso e umiliato. Quando Antonella ha svelato il nostro amore, sono stato bersaglio di critiche indegne al limite del razzismo. Quando Antonella mi ha portato a lavorare con lei in tv, sapendo che ce l’avrei fatta, ho subìto un linciaggio mai visto. Ho la nausea al solo ricordo”.

Del legame fra la conduttrice e il petroliere Vittorio Garrone, dice: “Se non si chiamasse Garrone, non lo sposerebbe. Ne sono certo. Io sono stato messo alla berlina anche da lei perché sono nato e cresciuto povero. Questa mia condizione è stata un bersaglio facile per i media italiani”. “Credo che ci sarebbe voluto più equilibrio nella nostra coppia. Più pazienza. Quando Antonella ha scelto me e io lei, non era un gioco. Abbiamo fatto una figlia, che amo, ma si litigava e basta. Non c’era mai il compromesso. Ok, io ero il ragazzo di colore più giovane che voleva lavorare, e quindi? Dov’è il problema? Serviva del tempo, servivano le

parole. Ormai tutto è andato e mia figlia mi manca da matti”.

Ora Martens è legato a Carmen Carrasco, mamma di Yannick Ferreira Carrasco, calciatore della Nazionale belga e attaccante dell’Atletico Madrid. “Tutto è successo due mesi fa. Eravamo entrambi ospiti giurati durante un evento a Bruxelles dove Carmen vive. Quella sera è scattato qualcosa e oggi stiamo insieme. Tra noi ci sono sei anni di differenza. Non dica più la parola “Toy Boy”, per favore, che mi viene da ridere”. Martens chiude parlando del suo sdegnoso rifiuto all’Isola dei famosi. “Ho rifiutato quest’anno l’Isola dei famosi. Carne da macello? No grazie. Ho già dato”.

FOTO

FONTE QUI

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *